Pulizia dei pavimenti in legno

La pulizia dei pavimenti in legno padova e parquet deve essere eseguita con attenzione e delicatezza, evitando di utilizzare detergenti o altri prodotti che potrebbero rovinare il legno, a causa di un eccessivo contatto con l’acqua, con sostanze che potrebbero intaccarlo o con strumenti che potrebbero graffiarlo. Vediamo quindi come pulire i pavimenti in legno.

1. Panno in microfibra
Se i vostri pavimenti in legno non sono particolarmente sporchi, potrete evitare di adoperare detergenti ed utilizzare semplicemente un panno in microfibra leggermente inumidito. Immergete il panno in acqua tiepida e strizzatelo molto bene. Passatelo sul pavimento per raccogliere facilmente la polvere e sfregate un po’ di più per rimuovere eventuali macchie. Asciugate il pavimento passando un panno morbido e asciutto.

2. Detersivo per parquet all’aceto e sapone di Marsiglia
Se lo desiderate potrete preparare voi stessi un detersivo fai da te per i vostri pavimenti in legno. Basta versare in 4 litri d’acqua con 50 millilitri di aceto bianco e un cucchiaio di sapone di Marsiglia in scaglie. Utilizzate acqua tiepida e mescolate bene gli ingredienti in modo che il sapone si sciolga. Strizzate il panno il più possibile prima di passarlo sul pavimento.

3. Bicarbonato di sodio
Per rimuovere dal parquet eventuali segni e striature lasciati sulla sua superficie dalle scarpe, ricorrete al bicarbonato di sodio. Cospargete i punti critici con il bicarbonato e spruzzate su di essi una soluzione formata da acqua e aceto in parti uguali. Lasciate agire per qualche minuto e poi con uno strofinaccio eliminate i segni.

4. Tè verde
Per lucidare pavimenti in legno e parquet un ottimo prodotto è il tè verde. Preparate un normale infuso di tè verde utilizzandone una bustina per 500 millilitri d’acqua bollente. Lasciate raffreddare il liquido, rimuovete e strizzate la bustina. Adoperate l’infuso di tè per inumidire il panno con cui luciderete il pavimento.

I rifrattori acromatici, alcune considerazioni

I rifrattori acromatici

I rifrattori sono i più lunghi, più pesanti e più costosi da produrre dai comuni disegni del telescopio amatoriale. Tra i rifrattori acromatici, il tipo più comune e conveniente, utilizzano due obiettivi elementari fatti da corona e vetro di pietra focaia che non riescono a concentrare tutti e tre i colori primari di luce (blu, verde e rosso) allo stesso punto. Il risultato è che ottengono un risultato abbastanza buono a focalizzare la luce rossa e blu, le due estremità dello spettro visibile, ma la luce verde è leggermente fuori fuoco, creando quei piccoli alon fastidiosi intorno a oggetti luminosi come, ad esempio, i pianeti. Anche così, i rifrattori acromatici costano di più, spesso sostanzialmente più di riflettori newtoniani o telescopi catadiottrici di uguale apertura che non hanno problemi di frange di colore.

I rifrattori tripletti ad alta definizione ED e il triplice APO risolvono il problema di frange. Regnano supremi tra telescopi amatoriali, ma quanto si può effettivamente vedere con loro? Ad esempio, un assemblaggio di tubi ottici (OTA) di Stellarvue SV115T (triplo da 4,5 “APO, 800 mm focale). Un Celestron C6 (6” SCT, 1500 mm di lunghezza focale) offre circa la stessa capacità visiva. Abbiamo usato questi due telescopi fianco a fianco, quindi so che questo è un confronto valido. Il C6 è lungo 16 “e pesa 10 libbre, mentre il SV115T è lungo 21,5” e pesa 13 libbre. Indovinate quale telescopio è più facile da trasportare e gestire?

Okay, probabilmente stai pensando, ma come per la visualizzazione planetaria, per i quali i refrattori di fascia alta sono famosi? Forse lunghi lunghi focalini APO refrattori hanno un posto per chi utilizza i loro telescopi solo per visualizzare i pochi pianeti su cui possiamo vedere dettagli superficiali. Purtroppo, questi ambiti sono pochi e lontani, poiché la maggior parte degli refrattori APO oggi hanno lunghezze focali corte per una maggiore portabilità. In ogni caso, le applicazioni planetarie sono limitate.

Nel nostro sistema solare, solo il Sole, la Luna, Marte, Giove e Saturno forniscono qualsiasi dettaglio visibile della superficie. Venere e Mercurio sono dentro l’orbita della Terra e attraversano fasi come la nostra luna, ma è proprio alla portata dell’astronomo dilettante con un telescopio portatile fino a otto pollici in apertura chiara. I pianeti esterni sono troppo lontani da osservare attraverso rifrattori portatili; Sono visibili solo come macchie lontane.

Quanto guadagna un addetto data entry

In Italia il data entry è un’attività non così diffusa come invece accade nel resto del mondo. Questa mansione consiste nell’inserire i dati all’interno di un database, fogli di calcolo, siti internet o altri portali. Questa è una delle tante professioni che è possibile svolgere da casa, basta possedere solamente un computer ed una connessione internet. Fondamentalmente, le aziende vogliono indirizzare verso l’esterno il lavoro di data entry per tagliare i costi, diminuire i tempi di lavoro, in quanto non dispongono internamente di risorse proprie sufficienti allo svolgimento dei vari progetti. Ma quanto guadagna un addetto data entry?

Le tariffe sono varie e non fisse. In alcuni casi è il datore di lavoro a stabilire il prezzo da pagare per tale attività, in altre questa tariffa può essere concordata da entrambe le parti. Nel caso in cui si lavori come data entry milano attraverso dei portali per freelance, allora, probabilmente, si dovrà pagare una certa percentuale del ricavato anche al sito in questione. Normalmente, la figura del data entry viene spesso assunta a tempo determinato. Se si ottiene un incarico più duraturo, si potrebbe guadagnare online anche circa 16000 euro lordi annui, ovvero al pari di un impiegato.

Bisogna sempre tenere a mente che, anche quando si lavora in remoto, il datore di lavoro e lo stesso data entry, devono rispettare quanto stabilito in materia di sicurezza dal Decreto legislativo numero 626/1994 e dal Decreto ministeriale numero 244/2000. Questi decreti regolano il corretto uso dei videoterminali ed ogni società è tenuta a rispettare determinati requisiti sui luoghi di lavoro. Questi fanno riferimento all’ambiente, all’illuminazione, all’ergonomia, al monitor e tanto altro. Infatti non è un caso che professioni sedentarie, come quella di data entry, facilitino dei disturbi fisici da computer (oculari e visivi), e muscolo scheletrici (tendinite, sindrome del tunnel carpale, artrosi cervicale). Ecco che bisogna sempre adottare tutti gli accorgimenti del caso per lavorare bene, senza riportare alcun tipo di problematica fisica.

Come triplicare i risultati in fiera

Un singolo elemento di bilancio tipico di marketing b2b è la fiera e l’evento di marketing che in media pesca il 20% del budget totale per il marketing, secondo un recente studio di Forrester. E’ più grande di quello che si spende sul marketing digitale (13%), sul marketing dei contenuti (12%) o sui  siti web (8%).

Fatto giustificabile, dal momento che gli acquirenti aziendali valutano gli eventi fieristici come una fonte chiave di informazioni su nuovi prodotti e soluzioni. Secondo un recente studio di Bredin, le fiere e gli eventi sono la seconda fonte più citata per scoprire nuovi prodotti e reperire nuove informazioni sui fornitori – tra colleghi e colleghi – tra i proprietari di piccole e medie imprese.
Con questo tipo di investimento i marketers b2b farebbero bene a prestare particolare attenzione a tre importanti punti per migliorare la propria attività di commercializzazione.
Pre-mostrare le promozioni e i prodotti
Le fiere e le conferenze sono un elemento così potente del mix di marketing in primo luogo perché offrono un modo relativamente efficiente per condurre una conversazione faccia a faccia con clienti e potenziali clienti. Pensateci: il tuo pubblico di destinazione sta volando in una sola posizione, dove, per un periodo di diversi giorni, puoi avere una serie di incontri per dare inizio o approfondire un prezioso rapporto di lavoro.

Confronta questo con il tempo e il costo per far volare i tuoi venditori in tutto il mondo.
Ma per approfittare dell’opportunità, è necessario concentrarsi sul fatto che

1) Bisogna incontrare le persone giuste all’evento

2) Utilizzare ogni minuto del tempo per conversazioni produttive.

Ciò significa un grande lavoro pre-show, per impostare riunioni, guidare il traffico verso il tuo stand fiera o invitare i tuoi potenziali clienti ai tuoi incontri privati, come colazioni o feste.
Stranamente, i marketers sfruttano seriamente questa opzione altamente redditizia dedicando soltanto il 5% dei loro budget degli eventi per mostrare prima le promozioni.
I marketers dovrebbero perseguire due strategie di comunicazione pre-show:
1. Comunicazioni mirate ai partecipanti registrati. Estrarre i visitatori di alto potenziale tra i partecipanti alla manifestazione commerciale e incoraggiarli a visitare il tuo stand o impostare un appuntamento, usando email, posta e telefono in uscita.
2. Comunicazioni al tuo file di casa. Invita i tuoi clienti, i loro inquirenti e le loro prospettive a venire a contatto con te allo spettacolo. Se non intendono partecipare all’evento, il tuo invito li ricorda che stai esibendo e serve come parte utile di un flusso di comunicazione per la creazione di relazioni.

Strategie in-show
Molto è stato scritto su come sfruttare al meglio la posizione, il design e la segnaletica di uno stand in fiera. Ma alla mia mente, il punto più influente è il personale che popolerà il tuo stand. Questo è dove si svolgono quelle conversazioni d’affari importanti. Se queste interazioni vengono perse – o mal condotte – il ROI del tuo evento sarà negativo. Due aree chiave richiedono l’attenzione:
1. Formazione del personale. Potremmo pensare che i nostri commerciali, marketers e tecnici siano naturalmente adatti allo stand. Ma investendo un paio di migliaia di dollari in una formazione da parte di esperti può triplicare la loro produttività, ottenere più lead e più rapporti commerciali con il budget fisso che hai investito. In poche ore, il personale dello stand può essere addestrato a impegnarsi a trattare efficacemente con clienti e potenziali clienti a livelli che ti stupiranno.
2. Cattura di dati. Una semplice scansione badge non acquisirà il contenuto delle conversazioni che lo staff sta avendo con i prospect. Hanno bisogno di un modo veloce e intruso di registrare gli interessi del prospect e i prossimi passi, sia che sia uno strumento cartaceo o tablet per la cattura di dati.
Questo ci porta al punto finale ma non meno importante:

Follow up post show
Molto è stato scritto anche sull’importanza di un follow-up tempestivo e rilevante dopo un evento. Ma io farei un passo avanti. Dico che se non hai un processo di follow-up in atto presso la tua azienda, non dovresti prima partecipare a un evento commerciale e pubblicitario.
Ad eccezione dell’esempio raro di eventi o fiere in cui le merci vengono vendute sul posto, il tuo intero ricavo delle entrate sarà post-show. Assicurati che i tuoi processi di qualificazione e di preparazione siano pronti a ricevere l’afflusso di dati generati in occasione dell’evento e che i dati specializzati acquisiti dal personale dello stand possano essere elaborati nelle comunicazioni di follow-up per renderli pertinenti e professionali.
Con un focus su questi tre punti di leva, puoi portare il tuo evento di marketing a nuovi livelli di produttività.

4 cose da tenere a mente quando si cercano mobili su misura

Non c’è davvero un modo molto più frugale e favoloso per ottenere nuovi mobili attraverso un buon progetto di arredo fai da te! Trova un mobile con grandi linee, strutturalmente forte e si è pronti per andare al lavoro.
Stai pensando di fare un progetto di arredo fai da te? Ecco 5 consigli per aiutarvi a ottenere il progetto perfetto! Hai un progetto in mente?
Prima di iniziare a creare il vostro prossimo pezzo fai da te, è necessario capire cosa si vuole finire con o che tipo di arredamento che si desidera trasformare. Vuoi un nuovo comò? Avete bisogno di un nuovo stand TV? È necessario capire qual’è il vostro risultato finale desiderato in modo da sapere con che tipo di mobili su misura iniziare.
Trova un solido pezzo di arredamento
Per un buon progetto di mobili fai da te devi trovare un solido mobile in legno. Assicurati che sia in legno massello guardando il fondo del mobile. Se non è in legno massello, vedrete linee di cui il laminato si sovrappone al finto legno.
mobili in laminato non è ideale per la finitura, perché possono pelare facilmente e anche iniziare a bolla se diventa troppo uso. Queste sono cose che non possono essere facilmente risolti.
Cercare le linee graziose
Le linee di un mobile sono qualcosa che non si può cambiare. Così, quando cercate per il vostro prossimo progetto dei mobili fai da te, assicuratevi di prestare attenzione alle linee. Volete qualcosa di più moderno che ha linee più increspate e diritte? O volete qualcosa di vintage che ha un aspetto più curve?I vecchi pezzi d’epoca hanno molto più in dettaglio, che è davvero difficile da trovare in nuovi mobili.

Ottenere il giusto prezzo
Avere un bilancio in mente di ciò che si vuole spendere per il vostro mobile. Tenete a mente il costo delle forniture, carta vetrata, ferramenta, vernici, ecc
Il mio posto preferito per cercare mobili usati è su Craigslist. Non c’è davvero un altro posto dove si possono trovare tali offerte incredibili. Quasi ogni prezzo è trattabile! Le offerte che troverete molto probabilmente saranno meglio di qualsiasi prezzo che potreste trovare in un negozio dell’usato.

Si ringrazia per la collaborazione lo staff di: http://piransigfrido.it/showroom/

Maldigestione e malassorbimento

Scopriamo quali sono i meccanismi che determinano l’assorbimento dei nutrienti che sono legati alle varie patologie.

Normalmente si parla di malassorbimento perchè già qui c’è la maldigestione, ma essendo più categorici è bene distinguerle, in quanto la maldigestione rappresenta tutto quello che viene ovviamente mal digerito, partendo dallo stomaco e arrivando alle funzioni epatobiliare e pancreatica; una volta che i nutrienti non sono stati ben trattati da questi organi quello che arriva nell’intestino è confezionato male, quindi destinato ad essere mal assorbito.

Ma anche nell’intestino ci possono essere alterazioni della mucosa, soprattutto del piccolo intestino che è quello principalmente destinato, per la sua struttura, all’assorbimento.

Cause maldigestione

Difetto nel mixing gastrico

  • la causa principale è la gastrite cronica atrofica, in quanto si riducono pepsina e HCl
  • stomaco malato ad esempio di ulcera, che un tempo (adesso si cerca di curarla tramite farmaci) veniva tagliato, mentre ai nostri giorni lo stomaco viene resecato, tutto o in parte, per lesioni neoplastiche, quindi la produzione di acidi e pepsina vengono ridotte, limitando la funzione digestiva
  • alterazioni della motilità: ad esempio il diabete che, essendo una malattia sistemica, colpisce un pò tutto, come la fibromialgia, tra cui i nervi, soprattutto del sistema neurovegetativo, attraverso il microcircolo che li irrora; questo sfocia in una neuropatia cosiddetta autonomica, e l’organo che è importante per far mescolare l’acido e la pepsina a quello che mangiamo non si muove più, allora il mixing, la sua funzione digestiva di tipo meccanico, viene meno.

Difetto nella solubilizzazione biliare

  • La bile si mescola ai grassi e serve per il loro assorbimento: se ci sono alterazioni della secrezione biliare, ad esempio per ostacoli al deflusso (caso clinico precedente), di bile ne arriva pochissima, mentre la cosa si risolve in parte facendo quel lavoro artificiale col catetere, per far arrivare un pò più di bile; il risultato è che quando uno mangia, soprattutto cibi contenenti grassi, questi si mescolano e vengono assorbiti. Inoltre con i grassi vengono assorbite anche vitamine liposolubili, quindi se mancano i sistemi per assorbire i grassi, le vitamine non vengono assorbite.
  • Il fegato è una ghiandola che produce e secerne la bile, ma se il fegato è malato, ad es. morbo Crohn con la colangite sclerosante, con un albero biliare “rinsecchito”, la bile non ha altra strada che fluire nel sangue, dando un quadro itterico, ma la bile “buona” che serve per l’assorbimento dei grassi ce n’è poca perchè la ghiandola secerne poco, in quanto i dotti sono compromessi; un altro caso ancora è quello di una malattia del fegato che lo colpisce in toto, impedendo la produzione di bile, ad es. cirrosi epatica.